Il 28 novembre 2012  il Consiglio Provinciale di Lecco ha deliberato all'unanimità un ordine del giorno sul Piano Cave provinciale in cui si dice che deve essere escluso "lo sfruttamento di nuovi siti di estrazione", pertanto il Piano Cave dovrà escludere la cava sul Cornizzolo:

http://www.casateonline.it/articolo.php?idd=75506

http://www.resegoneonline.it/index.php/articoli/Ora-ufficiale-nessuna-nuova-cava-Cornizzolo-salvo/

http://www.laprovinciadilecco.it/stories/Cronaca/332798_lecco_salvo_il_cornizzolo_no_a_nuove_cave_in_provincia/

http://www.lecconotizie.com/politica/il-consiglio-provinciale-ha-deciso-nessuna-nuova-cava-cornizzolo-salvo-95125/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=il-consiglio-provinciale-ha-deciso-nessuna-nuova-cava-cornizzolo-salvo


Si tratta di una vittoria determinata soprattutto dall'azione delle associazioni riunite nel Coordinamento Cornizzolo (www.coordinamentocornizzolo.it).
Occorre però mantenere desta l'attenzione, anzitutto affinchè nel Piano Cave vengano effettivamente stralciate le nuove cave, tra cui il Cornizzolo. In ogni caso bisogna insistere affinché sul Cornizzolo venga posto un vincolo assoluto contro l'escavazione, anche per evitare che in futuro la Regione Lombardia o la nuova Provincia (Varese-Como-Lecco) possano riproporre la cava sul Cornizzolo.


CIRCOLO AMBIENTE "Ilaria Alpi"

Merone, 28 novembre 2012