Il CIRCOLO AMBIENTE interviene in merito al ritrovamento di sostanze tossiche presso la ditta Teva

Bulciago: l’ex Alfa Chemicals ha inquinato la falda!

Roberto Fumagalli: “Nessuno ha controllato l’azienda”

 

BULCIAGO (LC)Il CIRCOLO AMBIENTE denuncia la grave situazione di inquinamento ambientale presso la ditta Teva di Bulciago, l’ex Alfa Chemicals.

Durante la seduta del Consiglio Comunale di ieri sera a Bulciago, sono stati resi noti i dati relativi all’inquinamento presso lo stabilimento chimico. Il dato più allarmante è relativo all’inquinamento della falda acquifera, contaminata da sostanze cancerogene come Cloroformio, Toluene e Cloruro di Metilene. In risposta all’interrogazione della minoranza, l’Assessore all’Ecologia di Bulciago ha sostenuto che non vi sarebbero pericoli per la salute pubblica.

Dichiara Roberto Fumagalli, presidente del CIRCOLO AMBIENTE: “Come si fa ad escludere possibili danni alla salute pubblica? La falda è stata contaminata da sostanze altamente tossiche che potrebbero aver inquinato gli acquedotti che attingono l’acqua a valle di Bulciago. Noi riteniamo indispensabile che vengano eseguiti controlli puntuali sulla qualità delle acque di falda, per verificare quali rischi vi possono essere per la popolazione!”.

 

Il CIRCOLO AMBIENTE denuncia inoltre i mancati controlli presso l’azienda. Continua Fumagalli: Chi doveva controllare non ha controllato e questo costituisce una pesante omissione, di cui qualcuno dovrà rispondere. Non si può attribuire episodi simili alla fatalità. Il Comune e gli enti preposti al controllo dovevano e devono continuamente controllare tutto quello che avviene presso lo stabilimento”.

Il CIRCOLO AMBIENTE chiede ora alla Magistratura di intervenire per verificare le ipotesi di reato di inquinamento da parte dell’azienda e di omissione da parte degli enti pubblici preposti al controllo.

 

Conclude Fumagalli: “Già nel 1994, quando si progettava di incenerire i rifiuti tossici presso lo stabilimento chimico, noi (come Legambiente Merone) proponemmo la chiusura dell’azienda. Avevamo visto giusto: l’ex Alfa era e rimane una bomba ecologica!.

 

 

CIRCOLO AMBIENTE

 

Merone, 11 marzo 2004