Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” interviene sul piano di bonifica dell’azienda farmaceutica

Bulciago: l’ex Alfa Chemicals è una bomba ecologica

Roberto Fumagalli: “Nessuno ha controllato l’azienda”

 

BULCIAGO (LC)“L’ex Alfa Chemicals di Bulciago si conferma una bomba ecologica”. È questa la posizione del Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” in merito a quanto emerso nel corso della Conferenza dei servizi indetta per approvare il piano di bonifica della ditta Teva, l’azienda farmaceutica di Bulciago.

 

Commenta Roberto Fumagalli, presidente del Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”: “I dati emersi dalla relazione dell’Arpa sono allarmanti: gli scarichi dell’ex Alfa Chemicals hanno inquinato il terreno, la falda acquifera e il torrente Bevera. Noi è anni che denunciamo che questa ditta deve essere controllata da capo a piedi. Evidentemente nessuno degli enti di controllo si è mai sognato di fare un check-up completo presso l’azienda”.

 

Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” ricorda che l’ex Alfa Chemicals è soggetta alla Direttiva Seveso, poiché in caso di incidente rilevante, verrebbe coinvolto un territorio nel raggio di alcuni chilometri.

 

Prosegue Fumagalli: “Il problema dell’ex Alfa non è solo l’inquinamento dell’aria, ma anche gli scarichi idrici e lo stoccaggio di sostanze pericolose. Per questo chiediamo agli enti di controllo di verificare tutto quello che succede all’interno dell’azienda farmaceutica”.

 

Conclude Fumagalli: “Già nel 1994, quando si progettava di incenerire i rifiuti tossici presso lo stabilimento chimico, noi (come Legambiente Merone) proponemmo la chiusura dell’azienda. Avevamo visto giusto: l’ex Alfa era e rimane una bomba ecologica!.

 

 

CIRCOLO AMBIENTE Ilaria Alpi

 

Merone,  12 novembre 2004