Legambiente contesta il 2 lotto della vasca sul Bevera tra Merone e Costa Masnaga

Basta scempi sul fiume Lambro !

MERONE (CO) - La Legambiente di Merone contesta il progetto per la costruzione del secondo lotto della vasca di laminazione sul Lambro, che dovrebbe interessare i territori comunali di Merone e di Costa Masnaga.

"Il nostro Circolo si oppone a questo progetto scellerato che rischia di devastare definitivamente il bacino del fiume Lambro alla confluenza col torrente Bevera di Molteno" - commenta Roberto Fumagalli, presidente del Circolo ambientalista di Merone - "Già il 1 lotto, realizzato dalla Regione Lombardia coi fondi dell'emergenza alluvioni, si è dimostrato nei fatti non solo inutile ma anche devastante: la frana verificatasi nelle scorse settimane lungo uno degli argini artificiali della vasca, ha determinato una situazione di rischio esondazione. Ci teniamo a sottolinearlo per l'ennesima volta: i fiumi non devono essere toccati dalle ruspe, occorre preservare la naturalità dei corsi d'acqua.". Ricordiamo che per far posto alla vasca già realizzata, si è dovuto spostare (!) il corso del torrente Bevera!

Continua Fumagalli: "Lo ripetiamo: la vera causa delle esondazioni che si verificano da qualche anno a Baggero, è da ricercarsi nella cementificazione e nelle rettifiche eseguite negli anni passati dal Genio Civile a Molteno: questi lavori hanno determinato una velocizzazione delle acque che a sua volta ha causato gli allagamenti a Baggero. Cosa succederà nei prossimi decenni dopo la realizzazione dei lavori a Merone? Probabilmente le esondazioni si presenteranno più a valle (a Lambrugo o a Inverigo) in un irreversibile "processo a cascata" !"

Avendo saputo degli incontri già avviati tra la Regione Lombardia e il Comune di Merone, Legambiente chiede ora agli enti pubblici (compreso il Comune di Costa Masnaga, sul cui territorio insisterà la maggior parte del secondo lotto della vasca) di lavorare affinché siano anzitutto ripristinati i danni del primo intervento. Si tratterà poi di dirottare i fondi per il secondo lotto (più di un milione di euro) per interventi di riqualificazione ambientale dell'area circostante il Lambro e il Bevera.

Conclude Fumagalli: "Occorre pensare a interventi di rinaturazione delle sponde e delle aree golenali: solo in questo modo i corsi d'acqua potranno riprendersi il loro spazio vitale!"

Merone, 16 aprile 2002

LEGAMBIENTE - Circolo di Merone (CO)

Sul sito trovate altre informazioni sulla questione:

- contestazione del 1 lotto della vasca;

- foto del 1 lotto della vasca;

- tangentopoli dei fiumi.