Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” lancia una mailbombing contro il triplicamento della quantità di CDR bruciato dalla Holcim

Pioggia di e-mail contro i rifiuti nella Cementeria di Merone!

“Invitiamo i cittadini a far sentire la loro voce, a tutela della salute"

 

MERONE (CO)“Una pioggia di e-mail contro l’aumento dei rifiuti da incenerire nei forni della Cementeria Holcim di Merone!”.  È la proposta che il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi lancia a tutti i cittadini dell’Erbese e zone limitrofe, invitandoli a mandare e-mail alle istituzioni (Regione, Provincia e Comuni di Merone e Monguzzo), con l’obiettivo di impedire l’innalzamento del quantitativo di CDR (Combustibile Derivato dai Rifiuti), che l’azienda ha chiesto di aumentare, passando da 10 mila a 30 mila tonnellate all’anno.

Dichiarano i responsabili del Circolo Ambiente: I cittadini devono far sentire la loro voce, a difesa della loro salute. Infatti l’incenerimento del CDR può causare un pesante inquinamento dell’aria e quindi mettere a rischio i polmoni di tutti”.

 

Le e-mail vanno mandate a questi indirizzi:

marcello_raimondi@regione.lombardia.it
franco_picco@regione.lombardia.it
paolo.mascetti@provincia.como.it
franco.binaghi@provincia.como.it
segreteria@comune.merone.co.it
sindaco@comune.monguzzo.co.it

p.c.  info@circoloambiente.org


Ecco il testo della mailbombing

Con la presente io sottoscritto chiedo alle istituzioni in indirizzo, per quanto di competenza, di NON concedere all'azienda Holcim (Italia) s.p.a. la possibilità di aumentare il quantitativo di rifiuti da incenerire nei forni della cementeria Holcim di Merone.
Infatti l'aumento del quantitativo di CDR (da 10.000 a 30.000 t/anno) e di fanghi essiccati (da 13.000 a 30.000 t/anno), non farebbe altro che aumentare l'inquinamento dell'aria nella zona di Merone e dei comuni limitrofi.
Il compito delle Istituzioni è quello di tutelare l'ambiente e la salute pubblica e non quello di favorire un'azienda privata, la quale è interessata solo a ricavare forti guadagni dall'incenerimento di questi rifiuti.
Pertanto chiedo di NON concedere nessun aumento del quantitativo di CDR, fanghi essiccati o altri rifiuti da incenerire nella cementeria di Merone.
                                                                                                     NOME COGNOME

 

Concludono i responsabili del Circolo Ambiente: Le istituzioni devono impedire l’incenerimento dei rifiuti. La Holcim non può continuare a bruciare i rifiuti in un territorio già pesantemente inquinato!”.

 

CIRCOLO AMBIENTE “Ilaria Alpi”

 

Merone,  27 maggio 2010