Il CIRCOLO AMBIENTE di Merone e la COMMISSIONE CULTURA ALTERNATIVA di Carate contestano l’iniziativa del Parco Valle Lambro

Anno del Lambro pulito: NO al cemento!

“L’inizio lavori di sabato è solo campagna elettorale per Formigoni!”

 

TRIUGGIO (MI) Il progetto “Anno del Lambro pulito”, voluto dalla Regione Lombardia e  dal Parco Valle Lambro, rischia di trasformarsi nell’ennesimo scempio del fiume Lambro.

È questa la denuncia del CIRCOLO AMBIENTE Ilaria Alpi (l’ex Circolo Legambiente di Merone) e della COMMISSIONE CULTURA ALTERNATIVA di Carate Brianza, in merito al progetto di sistemazione idraulica del fiume, nel tratto compreso nel territorio del Parco Valle Lambro.

Infatti, sostengono le due associazioni, non è chiaro quali lavori siano previsti nell’ambito del progetto; il rischio è infatti che si sia in presenza della riproposizione del famigerato “Progetto per la sistemazione idraulica del Fiume Lambro”, approvato dalla Regione Lombardia nel 1999 e che prevedeva l’utilizzo di 61 miliardi di vecchie lire per costruire:

§         6 briglie in cemento armato  e  3 bacini di accumulo inerti;

§         4 vasche di laminazione,  di cui 3 su alcuni affluenti;

§         più di 7 chilometri di arginature e di ricalibrature degli alvei.

Praticamente una nuova colata di cemento sul Lambro e sui suoi affluenti!

La Regione “giustificava” tali interventi col pericolo di esondazioni in caso di piena: la verità è che in passato (anche recente) i Comuni e l’ex Genio Civile (emanazione della Regione) hanno consentito di costruire troppo vicino ai corsi d’acqua e ora si pensa di intervenire con altro cemento per contenere le eventuali piene!

 

Il Parco Valle Lambro ricorda l’alluvione del novembre 2002 che ha segnato pesantemente la Valle del Lambro: la verità è che il nostro territorio è stato colpito proprio per colpa della cattiva gestione operata dagli Enti preposti alla gestione del suolo; mentre ora la Giunta Regionale pensa solo a riempire la regione con nuove autostrade e altro cemento!

 

Il CIRCOLO AMBIENTE Ilaria Alpi e la COMMISSIONE CULTURA ALTERNATIVA  contestano infine l’inizio dei lavori, previsti sabato 23 ottobre a Rancate di Triuggio, con la presenza del presidente della Regione, Roberto Formigoni. Secondo le due associazioni l’iniziativa di sabato rischia di trasformarsi nella campagna elettorale per Formigoni!

Per questo invitano gli altri sodalizi a boicottare l’iniziativa di sabato mattina a Rancate di Triuggio.

 

 

CIRCOLO AMBIENTE Ilaria Alpi di Merone

 

COMMISSIONE CULTURA ALTERNATIVA di Carate

 

Merone,  21 ottobre 2004