Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” propone la salvaguardia ambientale per l’area verde del lecchese

Un Parco nell’area del Mais, tra Bosisio e Molteno

Roberto Fumagalli: “I due Comuni formino un PLIS per tutelare le zone umide

 

BOSISIO PARINI (LC)  Un Parco per tutelare l’area del Mais”. È la proposta del Circolo Ambiente “Ilaria Alpi per la salvaguardia ambientale della zona denominata “Mais”, ubicata nella Brianza lecchese, a cavallo tra i comuni di Bosisio Parini e di Molteno.

 

Il Mais, che ha una superficie di circa 400 mila metri quadri, è un’area totalmente naturale, con una indubbia rilevanza ambientale: infatti al suo interno comprende molte zone umide ed è attraversata da fossati, il tutto in diretta connessione con il vicino torrente Bevera. Le zone umide hanno molta importanza dal punto di vista ambientale, poiché costituiscono una vitale riserva idrica (fondamentale soprattutto in tempi di siccità), con grande capacità di fito-depurazione naturale delle acque, le quali sono connesse con la sottostante falda, che in questa zona si trova ad una profondità di poche decine di centimetri. Inoltre in questi habitat naturali è possibile individuare la presenza di fauna, dai piccoli anfibi a varie specie di uccelli, che deve essere salvaguardata.

Il Mais è per la quasi totalità in territorio di Bosisio, ma la nuova area di tutela potrebbe essere estesa ai confinanti terreni agricoli in comune di Molteno, a sud fino a viale Consolini e da qui ad est fino a via Aldo Moro (zona contigua al cimitero), comprendendo quindi anche la relativa parte del torrente Bevera.  

 

Si ricorda che l’area del Mais ha corso un grande rischio nei primi anni 2000, quando l’allora Amministrazione Provinciale di Lecco vi aveva individuato, all’interno del PTCP (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale) del 2003, la realizzazione di un Polo industriale, ovvero una distesa di capannoni che avrebbe cementificato decine di ettari di verde! Al progetto del Mais si era strenuamente opposto proprio il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi, insieme ad altre associazioni ambientaliste del territorio [vedasi foto allegate del presidio del 2006].

 

Dichiara Roberto Fumagalli, presidente del Circolo Ambiente: Per tutelare l’area del Mais, si potrebbe istituire un’area protetta, ad esempio un Parco Sovracomunale. Sfruttando le opportunità delle recente legge regionale per la riorganizzazione dei parchi (entrata in vigore lo scorso novembre), i Comuni di Bosisio e di Molteno potrebbero formare un PLIS (Parco Locale di Interesse Sovracomunale), oppure annettere il Mais al Parco Valle Lambro, di cui Bosisio fa già parte. Con l’istituzione dell’area protetta, il Mais verrebbe finalmente tutelato dal punto di vista ambientale. L’ambiente naturale è una risorsa e non deve essere vista come un impedimento allo sviluppo. Come Circolo siamo disponibili ad incontrare le due amministrazioni comunali per definire le possibilità di salvaguardia ambientale del Mais”.

 

Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” auspica quindi che le amministrazioni comunali di Bosisio e di Molteno si attivino per individuare il modo migliore per tutelare l’intera area del Mais.

 

CIRCOLO AMBIENTE “Ilaria Alpi”

 

Alzate B.za, 4 aprile 2017

 

Allegati: alcune foto dell’area del Mais, tra Bosisio Parini e Molteno.