Campo di volontariato internazionale "Conca di Crezzo", comune di Lasnigo, Comunità Montana del Triangolo Lariano.
I campi di lavoro di Legambiente sono stati negli ultimi anni numerosissimi. Lo scorso anno vi sono state coinvolte circa 3000 persone, che, rimboccatesi le maniche, hanno effettuato lavori di miglioramento di ambienti naturali, di sensibilizzazione delle popolazioni locali, di studio delle risorse storico-culturali e di sorveglianza del patrimonio forestale. Di questi 3000 volontari, 790 provenivano da paesi stranieri, venuti in Italia per collaborare alla realizzazione dei progetti

Il progetto di campo di lavoro proposto dal nostro circolo è frutto di numerose sollecitazioni, ricevute da più parti, che si inseriscono nellíesigenza di essere sempre più radicati sul territorio e gestire aree o ambiti di notevole pregio ambientale e culturale che giacciono in uno stato di abbandono e/o di degrado.
In questa ottica si pone quindi il Campo di lavoro della Conca di Crezzo, conca che si è formata in seguito alla forza erosiva di una diramazione del grande ghiacciaio dellíAdda e che ospita attualmente un piccolo bacino lacustre.
Líintervento in oggetto consisterà nella pulizia e sistemazione perimetrale del laghetto, nel consolidamento delle sponde, nella manutenzione sentieristica di accesso.

Alcune informazioni sullo sviluppo territoriale del laghetto:
Ha una superficie di 10.600 mq, un bacino imbrifero di circa 140.000 mc, un bacino idrogeologico non coincidente, anche se altrettanto modesto e un regime fortemente condizionato dalle continue piogge che in questa area superano i 2.500 mm. annui, con variazioni di portata dagli 8.450 ai 17.315 mc e modifiche di profondità massima da 1,60 m. circa a 2,50 m.circa.
La superficie lacustre misura circa 260 m.di lunghezza e 60 m. di larghezza nei momenti di massima espansione ed ha un perimetro di circa 600 m.
Il pregio di questo laghetto è certamente costituito dallí ambiente in cui è inserito, proiettato sul sottostante lago di Como e di fronte al massiccio della Grigna, una delle montagne più significative delle Prealpi-lombarde.
Il territorio è inserito in un ambito climatico tipicamente insubrico: nei mesi estivi líumidità relativa media è alta.
Il laghetto è raggiungibile dalla provinciale Canzo-Bellagio sia deviando allíaltezza di Lasnigo e salendo lungo il Lambretto per circa 2.800m., sia da Barni.

torna alla prima pagina