Editoriale


Tanta carne al fuoco in questo periodo.
Cominciamo con la vertenza-Cementeria:siamo arrivati alla querela, o quasi, da parte del sindaco di Merone, perch» noi ci siamo chiesti se non ci fosse per caso žqualcosaÓ nel suo atteggiamento žbenevoloÓ verso la società che deturpa le nostre montagne, inquina lŪaria e ora comincia a bruciare rifiuti, con conseguenze non solo immediate, ma di medio e lungo termine (il passo a diventare un inceneritore tout court è breve, con ripercussioni dirette sulla politica dei rifiuti).
Proseguiamo tristemente con lo sfacelo della zona detta žZoc del PericÓ.
Ogni volta che si fa un sopralluogo la situazione è più incancrenita.
Ci sono pressoch» continui spostamenti di terra, ma non per il ripristino ambientale promesso a suo tempo e a cui sono obbligati da una ordinanza del Comune di Alzate Brianza, ma evidentemente per interessi loro, visto che, al posto della terra si notano sempre di più macerie, massi e altro materiale non meglio identificato.
Dalle vertenze alle iniziative: proseguono con successo i nostri interventi nelle scuole, è in piena preparazione žLambro da vivereÓ, si lavora per il Campo di Volontariato di Crezzo.